Il World Wide Web ha compiuto 31 anni ma i monopoli e la “weaponisation” ne bloccano lo sviluppo