“Pensieri senza scarpe” che motivano alla vita [VIDEO]

/Conferenze e convegni/Cultura e società/In evidenza/Romanzi e saggi/

Niente di straordinario o di baciato dall’arte, naturalmente, ma qualcosa che possa aiutare gli innamorati della vita, al di là di tutto, a non affogare, in questo Villaggio Globale, di fronte alle schizofreniche sollecitazioni quotidiane”.
Così spiega sul retro di copertina Carlo Spillare, avvocato, formatore, ex giocatore di pallacanestro ad alti livelli, il suo manueletto dal titolo “Pensieri senza scarpe”, ovvero “vitamine naturali per il nutrimento del cuore, della mente e dell’anima” (MaginotEdizioni, 2018).

 

Pigafetta, il pappagallo, le amanti e il “sabir” [VIDEO]

/All around the world/Cultura e società/In evidenza/Romanzi e saggi/Viaggi/

In vista dei 500 anni della partenza delle navi di Magellano da Siviglia (col vicentino Antonio Pigafetta al seguito), è stato presentato a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, il romanzo storico di Franco Giliberto e Giuliano Piovan “Una Specie di Paradiso. La straordinaria avventura di Antonio Pigafetta nel primo viaggio intorno al mondo” (Marsilio, 2018). Nelle interviste video (realizzate da Francesco Brasco) gli autori parlano del pappagallo dell’amante brasiliana di Pigafetta, delle spezie e del “sabir” lingua franca del mediterraneo che utilizzavano i marinai di Magellano (spagnoli, portoghesi, italiani, tedeschi …)

A Marano Alice Zannoni per spiegare l’arte di oggi [VIDEO]

/Arti/Cultura e società/In evidenza/Romanzi e saggi/

“Dal letame nascono i fiori” (Fabrizio De André). Abbiamo concluso così l’intervista realizzata allo Spazio Rizzato di Marano Vicentino (Vicenza) con il critico d’arte Alice Zannoni, autrice di un libro di grande successo per la divulgazione dell’arte di oggi (che molti definiscono moderna, anche se la modernità storica è altro), per far capire a chi dice di non capire l’arte: perché è arte la merda d’artista di Piero Manzoni ? o le tele tagliate di Lucio Fontana? o lo squalo in formalina di Damien Hirst? o il Papa colpito da un meteorite (“La Nona Ora”) di Maurizio Cattelan?