Cave Arcari una nuova location polifunzionale.

/Ambiente/Arredo&design/Arti/Eventi/In evidenza/Location/Tesori di casa nostra/

Le Cave Arcari di Zovencedo sono state per decenni la fonte di approvvigionamento della Pietra Bianca di Vicenza del Laboratorio Morseletto, fornitore di artisti e architetti come Carlo Scarpa o Frank Gehry e David Chipperfields. Proprio a quest’ultimo, tramite lo studio milanese David Chipperfields Architects, diretto da Giuseppe Zampieri, Deborah e Barbara Morseletto hanno chiesto di trasformare il vasto spazio delle Cave, ormai dismesse, per trasformarlo in un luogo destinato ad ospitare eventi di varia natura. L’interno è molto ampio, caratterizzato da colossali pilastri quadrangolari che scandiscono l’alternanza di grandi sale e di pozze d’acqua prodotte dalle infiltrazioni delle acque piovane. In questo spazio magico e straordinario, gli architetti hanno inserito delle semplici piattaforme e delle scalinate destinate al pubblico, illuminate da un impianto concepito con Mario Nanni, che esalta il carattere evocativo e quasi esoterico della location, dando risalto al tempo stesso alle dimensioni smisurate e imponenti. In occasione dell’inaugurazione della mostra dedicata a Chipperfields in Basilica Palladiana, le Cave Arcari sono state il soggetto muto, ma non per questo meno presente, di un concerto di Michael Nyman, celebrato maestro della musica minimale. Il sito è ora visitabile su appuntamento.http://www.morseletto.com/

Gli alberghi galleggianti. La nuova idea di turismo.

/All around the world/Arredo&design/Biotecno/Cultura e società/In evidenza/Lifestyle/Location/Ospitality/Viaggi/

Parte dalla Lapponia svedese la nuova tendenza in fatto di hotellerie: una spa con vista sull’acqua e sull’aurora boreale. Si presenta come un groviglio di tronchi sulla sponda del fiume Lule, nella Lapponia svedese ad un passo dal Circolo Polare Artico l’Arctic Bath, la struttura aperta da metà anno e che punta a spingere il concetto di hotel galleggiante oltre gli schemi attuali.

Da Tiepolo a Canaletto e Guardi. Museo Puškin, Mosca.

/Eventi/In evidenza/Pittura/Tesori di casa nostra/Vicenza/

Da Vicenza alla Russia corre un filo conduttore tracciato dai grandi maestri dell’arte veneta del XVIII secolo: 23 tele dal Museo Chiericati e nove opere della Collezione Intesa Sanpaolo custodite presso le Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari, sede museale del Gruppo, il cui prestito si aggiunge alla mostra in programma fino al 14 ottobre al Museo Puškin di Mosca, intitolata “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi”.