Radio Vip Summer Party: la cucina chioggiotta

/Eventi/In evidenza/Speciale Radio Vip Summer Party/

La tavola di Chioggia può fregiarsi di un’ampia gamma di prodotti. Da una parte, infatti, abbiamo i frutti della pesca, con particolare attenzione alla cucina povera di piccoli molluschi, crostacei o pesce azzurro, mentre dall’altra c’è la ricchezza delle verdure coltivate negli orti ricavati a fianco del litorale, leggendari per la qualità di prodotti offerti. Fra questi ultimi, i più conosciuti sono la zucca (zucca marina); la cipolla tonda, bianca e succosa; la carota, protagonista dei raccolti fra maggio e giugno; la patata, coltivata in tre diverse varietà, e il radicchio, di forma tondeggiante e dalla coltura “precoce”, a denominazione Igp. I piatti più caratteristici riportano spesso la dicitura dialettale che in un certo qual modo sigla la derivazione popolare della pietanza e ne tramanda la tradizione. Fra gli antipasti ad esempio abbiamo i Boboli de vida, lumachine di mare conditi con olio e prezzemolo; Bibarasse (o bevarasse) in cassopipa, vongole alla marinara, mentre nei primi piatti il broeto, la zuppa di pesce con sapori e profumi marinari, che si ritrovano nel riso ala pescadora, o nei bigoli in salsa, conditi con una salsa di aglio, olio, cipolla e filetti di acciughe. Per i secondi, la fantasia è sul piatto. Sarde in saôr, sepe nere, sepe in umido oppure moleche frite, quando i granchi in muta sono cotti e mangiati, pesse rosto incovercià, dove varie specie di pesce (sgombri, sardine, luserna, ecc.) sono prima arrostiti sulle braci e poi riscaldati in un tegame coperto con olio, aceto, vino e aglio. Fra i dolci troviamo i papini, ciambelle sottili di pasta dura, gli essi, biscotti a forma di “esse”, i sugoi, crema di uva nera e farina; la smegiassa, focaccia realizzata con un impasto di miele, farina, zucca, uva passa, zucchero e pinoli; fino alla torta ciosota, torta preparata con i prodotti tipici del territorio (radicchio e carote, principalmente). Infine, da non dimenticare il pane tipico di Chioggia, il bossolà. A forma di anello, fragrante e croccante, manca quasi di lievitazione ed è di facile conservazione.