Olio d’oliva pedemontana veneta

/Food & wine/Mondo cibo/

Il 2016 sarà ricordato come il migliore degli ultimi quattro in controtendenza con i dati nazionali. La produzione di olio d’oliva nella zona della Pedemontana che va da Vittorio Veneto si spinge fino alla Valle dell’Agno, quest’anno ha registrato, come detto, i quantitativi più alti degli ultimi quattro anni.

Secondo i dati prevenienti dai sette frantoi che rappresentano il 90% degli stabilimenti presenti nel territorio, sono stati 23.342 i quintali di olive frante nel 2016 per un totale di 2.917 quintali di olio extravergine prodotto (su 24.660 quintali prodotti complessivamente in Veneto). Un aumento quasi del 33% rispetto al 2015. A livello nazionale, nel 2016 c’è stato un crollo della produzione pari al 58%. I parassiti, specialmente la mosca olearia, hanno provocato grossi danni alle coltivazioni di tutta Italia, mentre la zona della Pedemontana – che rappresenta oggi il 10% della produzione olearia veneta – si è salvata grazie al microclima collinare che ha contrastato il fenomeno.

Significativo l’intervento dei macchinari nel processo di raccolta, e di conseguenza una maggiore velocità, che contribuisce a raggiungere un numero maggiore di ulivi in un giorno e che accanto alle tecnologie legate alla refrigerazione, fondamentali contro il problema dell’ossidazione in attesa di frangitura, rappresenta un plus delle coltivazioni territoriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. Campi obbligatori *