La poesia del mese di Marta Scolari: “Gabbiano sentire”.

/Cultura e società/In evidenza/Poesia/

Un annuncio d’estate e un battere d’ali per sognare la libertà. Il desiderio di volare per fuggire dalla realtà ed elevarsi dalle cose del mondo. Una lirica dedicata all’animo errante che ognuno di noi può portare dentro di sè.

 

Gabbiano sentire

Cascate di fronde

sulle verdi acque lagunari,

salici piangenti

sulle paludi stagnanti dei miei ieri,

sulle sabbie immobili degli inauditi perché,

salutano l’avvento estivo di nuove correnti blu,

fresche brezze interiori che spazzano via

fin gli ultimi residui delle resistenze mie,

lasciandomi dentro salsedine e vita

e il respiro vivo del mare,

eco infinito del mio gabbiano sentire,

venuto da chissà dove.